Categories
Research

In flour beetles, coevolution mixes things up

When evolutionary biologists think about sex, we often think of parasites, too. That’s not because we’re paranoid about sexually transmitted infections—though I’d like to think that biologists are more rigorous users of safer sex practices than the general population. It’s because coevolution with parasites is thought to be a major evolutionary reason for sexual reproduction.

This is the Red Queen hypothesis, named for the character in Lewis Carroll’s Through the Looking Glass who declares that “it takes all the running you can do to keep in the same place.” Parasite populations are constantly evolving new ways to infest and infect their hosts, the thinking goes. This means that a host individual who mixes her genes with another member of her species is more likely to give birth to offspring that carry new combinations of anti-parasite genes.

But although sex is the, er, sexiest prediction of the Red Queen, it’s not the whole story. What matters to the Red Queen is mixing up genetic material—and there’s more to that than the act of making the beast with two genomes. For instance, in the course of meiosis, the process by which sex cells are formed, chromosomes carrying different alleles for the same genes can “cross over,” breaking up and re-assembling new combinations of those genes. Recombination like this can re-mix the genes of species that reproduce mostly without sex; and the Red Queen implies that coevolution should favor higher rates of recombination even in sexual species.

That’s the case for the red flour beetle, the subject of a study just released online by the open-access journal BMC Evolutionary Biology. In an coevolutionary experiment that pits this worldwide household pest against deadly parasites, the authors show that parasites prompt higher rates of recombination in the beetles, just as the Red Queen predicts.

The red flour beetle, Tribolium castanaeum, is named for its predilection for stored grain products. This food preference makes the tiny beetles particularly easy to raise in the lab, where they’ve been useful enough as a study organism to rate a genome project, which was completed in 2008.

Tribolium castanaeum reproduces strictly sexually. But, like any other biological trait or process, the beetle’s rate of recombination can vary, and evolve. And, as I’ve explained above, the Red Queen suggests that selection by parasites should favor higher rates of recombination. So the authors of the new study set experimental populations of the beetle to evolve either in parasite-free habitats, or under attack by Nosema whitei, a protozoan that infects and kills flour beetle larvae. 

The team started experimental populations of beetles (fed on organic flour, natch) in each of the two treatments with eight different genetic lines, maintaining them at a constant population by collecting 500 beetles at the end of each generation to start the next generation. To make the coevolution treatment coevolutionary, the authors also transferred spores of the parasite produced in the previous generation to infect each new generation of beetles.

After 11 generations of coevolution, the authors sampled male beetles from four of the experimental populations in each treatment, and mated them with females from the same genetic line. By collecting the genotypes of the sampled males for a small number of strategically chosen genes, and comparing them to the genotypes of the males’ offspring, it was then possible to identify recombination events—offspring who had combinations of alleles at different genes that weren’t seen in their fathers.

And, indeed, the frequency of recombination—the proportion of offspring whose genetics showed signs of recombination events when compared to their fathers—was greater in the experimental lines that coevolved with Nosema whitei

That’s a fairly remarkable result for a simple, relatively short selection experiment, and to my knowledge it’s the first of its kind to deal with recombination, as opposed to sex. There are a few study systems in which natural populations show signs of coping with parasites by having more sex, including C.J.’s favorite mollusks, and there is one good experimental example in which the worm Caenorhabditis elegans evolved to reproduce sexually when confronted with bacterial parasites. But this study marks a new bit of empirical support for the Red Queen: coevolution acting to boost the gene-mixing benefits of sex. 

References

Kerstes, N., Berenos, C., Schmid-Hempel, P., & Wegner, K. (2012). Antagonistic experimental coevolution with a parasite increases host recombination frequency BMC Evolutionary Biology, 12 (1) DOI: 10.1186/1471-2148-12-18

Morran, L., Schmidt, O., Gelarden, I., Parrish, R., & Lively, C. (2011). Running with the Red Queen: Host-parasite coevolution selects for biparental sex. Science, 333 (6039), 216-218 DOI: 10.1126/science.1206360

Categories
Research

The beef I have with The Paleo Diet

I’ve heard a lot about “The Paleo Diet” lately and every time a popular news source (say NPR or ABC or Fox News or New York Times) does a piece, I cringe a little bit. For those of you who have never heard of the Paleo Diet (from Wikipedia):

The paleolithic diet…is a modern nutritional plan based on the presumed ancient diet of wild plants and animals that various hominid species habitually consumed during the Paleolithic era—a period of about 2.5 million years duration that ended around 10,000 years ago with the development of agriculture.

So that’s the basic idea – people restricting their diet to things that we ate before modern agriculture. I don’t really have a problem with the diet, per se – removing highly processed foods and increasing your activity level is a good idea for almost anyone. But the rationale that always accompanies the diet – that’s where the cringe comes in.
The rationale goes like this (again from Wikipedia):

Paleolithic nutrition is based on the premise that modern humans are genetically adapted to the diet of their Paleolithic ancestors and that human genetics have scarcely changed since the dawn of agriculture, and therefore that an ideal diet for human health and well-being is one that resembles this ancestral diet.

I can break this rationale down into three assumptions/statements:
1. Evolution acts to optimize health.
2. Evolution adapted us to eat a specific diet.
3. Therefore, today, we should eat that diet to optimize our health.

As an evolutionary biologist, I think there are logical and scientific flaws to each of these statements.

1. Evolution acts to optimize health.
FALSE. Evolution acts to optimize fitness (the scientific term for how many babies you leave behind), not health (how physically fit and free from disease we are). The line that connects the modern idea of individual health and evolutionary fitness is not necessarily a straight one. For example, many of the “diseases of affluence” that the Paleo Diet aims to alleviate (obesity, heart disease and adult-onset diabetes) have not been shown to actually and negatively affect human fitness. In fact, there is even some correlational evidence that people we might currently describe as “less healthy” have more children and therefore might have higher fitness. Evolution doesn’t really care about health past the point where you’re healthy enough to make a baby. And if our goal is to achieve a modern ideal of health, recreating the conditions to which our ancestors were putatively adapted may not help us get there.

2. Evolution adapted us to eat a specific diet. 
TRUISM/FALSE. The truism here is that evolution has adapted us to our diet. All living things are the product of evolution; Homo sapiens has evolved to be an omnivore. The Paleo Diet makes a far more specific claim, though: that there is a single, specific diet to which we adapted in the past and that we have not since evolved. First, this assumes that all Paleolithic humans ate the same things in approximately the same proportions. This cannot be correct. Even on small geographic scales, the relative quantities of meat, fish, and vegetable matter available for human consumption change drastically. If I had to hunt/gather on the Louisiana coast for my dinner it would look totally different than if I were doing the same in northern Louisiana. Not to mention that one place would differ on a month-to-month basis. Seasonality and geography dictate what would be available to eat, not our evolution.

Second, this assumes that no evolution has occurred since the advent of agriculture. This is demonstrably false. One example of post-agricultural evolution is the human lactase gene, which breaks down lactose, the dominant sugar in milk. In ancestral humans this gene was turned off after infancy; those humans would have been “lactose-intolerant”. Most humans of European descent now have a mutation that keeps that gene turned on their entire lives. Not surprisingly, this gene spread throughout Europe at approximately the same time cattle were domesticated. There are other known examples of agricultural dietary adaptation, and doubtless more to be discovered. If we are going to use evolution to justify our dietary choices, why throw out the last 10,000 years of it?

3. Therefore, today, we should eat that diet to optimize our health.
HMMMM. Omnivory probably does optimize our health – I think a lot dieticians would recommend eating a variety of fruits, vegetables, grains and meat for an ideal diet. But the Paleo Diet has restrictions on which foods you can eat based on when they were introduced to the human diet AND what we know about them based on modern science (list of Paleo foods here & new link not requiring password here). For example, lean meats good, fatty meats bad. Paleolithic humans probably ate fatty meats every chance they got, don’t you think? Good fat was probably hard to come by in some places. We just think of fatty meat as “bad” because of cholesterol and whatnot – I’d go so far as to say evolution has trained us to love fatty meats, isn’t that why bacon tastes so good?

https://nothinginbiology.org/reduslim/

Here’s the other thing: basically anything you buy in a store probably wasn’t around a million years ago, regardless of how close it seems to being “natural”. Humans might have eaten wild pigs, but modern pigs are a different beast altogether. The same goes for apples or carrots or organic blueberries. Oddly enough, diet soda makes the “Foods to be eaten in moderation” category but “Dairy” is to be avoided entirely. What evolutionary sense does that make?

In summary, humans are certainly a product of their evolutionary history, but ALL of it, not a restricted subset of it. That history can give us great insight into why we are the way we are, and it might be a great way to generate hypotheses about which foods we should eat and in which proportions in order to be healthy. There is, however, a lot of uncertainty about what ancient humans actually ate, and whether that food made them healthy. Furthermore, evolutionary reasoning may explain what things we observe today, but it cannot be used to tell us what we ought to do. That is the realm of modern scientific evidence, not evolutionary first principles.

Now if you’ll excuse me, I believe someone mentioned bacon?

PS – Noah Reid contributed greatly to this post.

PPS – The wikipedia page for the Paleo Diet has a lot of information with a bunch of citations to primary literature on many aspects of the diet; check it out if you’re interested in what the experts have to say.

Categories
Research

In flour beetles, coevolution mixes things up

When evolutionary biologists think about sex, we often think of parasites, too. That’s not because we’re paranoid about sexually transmitted infections—though I’d like to think that biologists are more rigorous users of safer sex practices than the general population. It’s because coevolution with parasites is thought to be a major evolutionary reason for sexual reproduction.

This is the Red Queen hypothesis, named for the character in Lewis Carroll’s Through the Looking Glass who declares that “it takes all the running you can do to keep in the same place.” Parasite populations are constantly evolving new ways to infest and infect their hosts, the thinking goes. This means that a host individual who mixes her genes with another member of her species is more likely to give birth to offspring that carry new combinations of anti-parasite genes.

But although sex is the, er, sexiest prediction of the Red Queen, it’s not the whole story. What matters to the Red Queen is mixing up genetic material—and there’s more to that than the act of making the beast with two genomes. For instance, in the course of meiosis, the process by which sex cells are formed, chromosomes carrying different alleles for the same genes can “cross over,” breaking up and re-assembling new combinations of those genes. Recombination like this can re-mix the genes of species that reproduce mostly without sex; and the Red Queen implies that coevolution should favor higher rates of recombination even in sexual species.

That’s the case for the red flour beetle, the subject of a study just released online by the open-access journal BMC Evolutionary Biology. In an coevolutionary experiment that pits this worldwide household pest against deadly parasites, the authors show that parasites prompt higher rates of recombination in the beetles, just as the Red Queen predicts.

The red flour beetle, Tribolium castanaeum, is named for its predilection for stored grain products. This food preference makes the tiny beetles particularly easy to raise in the lab, where they’ve been useful enough as a study organism to rate a genome project, which was completed in 2008.

References

Kerstes, N., Berenos, C., Schmid-Hempel, P., & Wegner, K. (2012). Antagonistic experimental coevolution with a parasite increases host recombination frequency BMC Evolutionary Biology, 12 (1) DOI: 10.1186/1471-2148-12-18

Morran, L., Schmidt, O., Gelarden, I., Parrish, R., & Lively, C. (2011). Running with the Red Queen: Host-parasite coevolution selects for biparental sex. Science, 333 (6039), 216-218 DOI: 10.1126/science.1206360

Categories
Research

How to celebrate Valentine’s Day: A note on the Red Queen and maintaining sexual reproduction

This year’s Valentine’s card of choice

HAPPY VALENTINE’S DAY! As a perpetually single girl this is my favorite holiday of the year. The first and second half of those statements may appear conflicted. However, every year on Valentine’s Day, I send out glorious amounts of Valentine’s to all my single friends (See below for this years!), eat chocolate and drink red wine while ordering myself sexy lingerie on the internet. Yeah, it’s a pretty awesome holiday. This year, one of my favorite evolutionary biologists has upped the excitement by publishing a paper on what conditions favor sex! Perfect for Valentine’s Day!

Why organisms reproduce sexually is one of the great mysteries in evolutionary biology (I’d like to note that here I’m talking about sex in terms of reproduction. It isn’t a mystery to me why organisms copulate, the differences being if that sex comes with offspring while copulation is just good old fashioned fun). There are a number of theoretical reasons that they shouldn’t! One of the strongest arguments was first laid out by John Maynard Smith (1978) who noted that an asexual female can produce twice as many offspring per individual than a sexual female, who wastes half of her effort producing males. This almost immediately results in sexuals being driven to extinction and is termed “the two-fold cost of males.”

There have been a number of different mechanisms of selection that have been proposed to explain sex: host-parasite interactions (Bell 1982), elimination of deleterious alleles (Mueller 1964), and various forms of selection (Charlesworth 1993; Otto and Barton 2001; Roze and Barton 2006). However, none of these alone are able to theoretically overcome the two-fold cost of producing males, so many biologists have started taking a pluralist approach (West et al. 1999; Howard and Lively 1994) and combing one or more of the advantages to being sexual in an effort to understand why the birds do it, the bees do it, and even educated fleas do it.

The theoretical problem with sex

Hodgson and Otto (that’s MacArthur “Genius Grant” recipient Sarah “Sally” Otto) recently published such a model, looking at how directional selection for advantageous alleles and host-parasite coevolutionary interactions could potentially combine to favor sexual reproduction. They specifically looked at host-parasite interactions that are mediated by one allele in the parasite matching or mismatching one allele in the host resulting in infection or no infection. This kind of interaction (referred to as the Matching Allele Model) at equilibrium results in negative frequency dependent selection causing oscillations in both populations, which are called “Red Queen” dynamics.

I mentioned the Red Queen in my last post, so I’ll just touch on it again here. Famed paleontologist Van Valen (1973) noted that organisms tend to continuously evolve to their environment, which is also constantly changing. He noted it was similar to a passage in Lewis Carrol’s Alice in Wonderland, and dubbed this hypothesis The Red Queen. Graham Bell (1982) used the Red Queen to talk about host-parasite interactions, noting that as hosts and parasites are both evolving in response to each other, then the Red Queen should be stronger than other, less changeable environmental factors. The Red Queen has since been used to evaluate conditions under which the negative frequency dependent selection can favor sexual selection in hosts when under strong selection by parasites, both empirically and theoretically.  Unfortunately, theory generally finds that sexual reproduction is only favored by the Red Queen under conditions where selection is unrealistically strong. However, there are a few conditions that, when coupled with the Red Queen, favor sex.

Hodgson and Otto simulated a model in which they considered three different loci in the host population, one that mediates host-parasite interactions, one that directional selection acts on and one that dictates how much recombination occurs (the sex allele). The frequency of this “sex allele” in the population is tracked through time and allows you to look at when sex is favored and when it is driven to extinction. The parasite population have only one locus of interest, which interacts with the host’s interaction locus.

In general the “sex allele” was favored, but it was more strongly favored in simulations where the beneficial allele was strongly beneficial. Moreover, the frequency of the modifier allele changed more slowly when selection on the host-parasite interaction allele was weaker. Finally when both loci were linked, the amount of sex in the population increased the most. The authors conclude that this interaction favors sex in the population because the genetic mixing uncouples the fate of beneficial alleles from those being selected against in host-parasite interactions*.

This result is contrary to previous work, and generates a scenario under which sex can be maintained. Moreover, it fits well with the empirical data. where many host-parasite interactions have been shown to be mediated at a single loci. It’s a very simple solution laid out in an excellent and easily accessible model. What an excellent way to spend your Valentine’s Day, reading about sex!

Now if you’ll excuse me, there are some dark chocolate covered strawberries with my name on them.

* I’d like to take a moment to note that I love Sally Otto’s models. I hope someday I can write models as well formulated and elegant as she does … in every paper she writes.

Literature Cited:

Charlesworth B (1993) Mutation-selection balance and the evolutionary advantage of sex and recombination. Genetic Research Cambridge 61: 205-224.

Hodgson EE and SP Otto (2012) The red queen coupled with directional selection favours the evolution of sex. Journal of Evolutionary Biology doi: 10.111/j.142-=9101.2012.02468.x

Jokela J, Dybdahl MF and CM Lively (2009) The maintenance of sex, clonal dynamics, and host-parasite coevolution in a mixed population of sexual and asexual snails. American Naturalist 174: S43-S53.

Maynard Smith J (1978) The evolution of sex. Cambridge University Press, London.

Muller HJ (1964). The relation of recombination to mutational advance  Mutat Res 106: 2–9.

Otto SP and N Barton (2001) Selection for recombination in small populations. Evolution 55: 1921-1931.

Roze D and N Barton (2006) The Hill-Robertson effect and the evolution of recombination. Journal of Evolutionary Biology 12: 1003-1012.

Van Valen, L (1973) “A new evolutionary law” Evolutionary Theory 1: 1¬30.

Categories
Research

Predatory Open-Access Journals?

Last summer, I worked with NESCent and Google’s Summer of Code to write a small piece of software. I think it’s quite useful for the specific thing it does and some researchers in my immediate peer group who have used it agree. I wrote up a short manuscript describing the program and very quickly got it rejected from Molecular Ecology Resources and Bioinformatics. It went on the back burner for several months until I got a solicitation from a new open-access journal that was offering a discounted rate for articles received before a certain date. So I submitted to this journal, after looking up some of their papers and a few people that have published there and convincing myself it wasn’t a flat-out scam.

One day after I submitted, I got an email asking me to review my own article. I know, right? How could that ever happen with a legitimate journal? I declined, they sent it to others to review and about a month later I got three reviews back that were short (0.5 – 1 page), but addressed real questions about my manuscript and included helpful suggestions. I incorporated the changes as best I could and resubmitted. About a week after the resubmission, I saw Beall’s List of Predatory Open-Access Publishers, which includes the aforementioned  journal on the list of “questionable, scholarly open-access publishers”. The author of the list says: I recommend that scholars not do any business with these publishers, including submitting articles, serving as editors or on editorial boards, or advertising with them. Also, articles published in these publishers’ journals should be given extra scrutiny in the process of evaluation for tenure and promotion.

Then, this morning, I got final acceptance of the manuscript and I’m not sure what to do.

I’m not trying to pull one over on anyone and I don’t necessarily disagree with the above text, but I don’t think this paper will be able to go anywhere else and I’m not convinced this journal is Bad. Not a lot of places publish small pieces of discipline-specific software (if you know of any, let me know). I believe this would be a really useful tool for somebiologists and in fact, there are a couple of people waiting to cite the manuscript. I don’t want to encourage predatory journals, but open-access articles that do not-super-important science might actually have a place in our field.

I would LOVE thoughts on this. I certainly don’t view this manuscript as equivalent to a Molecular Ecology or Evolution publication – but do all pubs have to be top (or middle) tier? Is there a solution here, like including impact factors on CVs? Or maybe new fangled software like Google Citations can alleviate this problem since they show the overall publishing record of an individual/article? Please weigh in!

https://nothinginbiology.org/

Categories
Research

A guide to the science and pseudoscience of A Troublesome Inheritance, part I: The genetics of human populations

This is the first in a series of guest posts in which Chris Smith will examine the evolutionary claims made in Nicholas Wade’s book A Troublesome Inheritance. Chris is an Associate Professor of Evolutionary Ecology at Willamette University. He uses population genetic approaches to understand coevolution of plants and insects, and he teaches the interdisciplinary course “Race, Racism, and Human Genetics” with Emily Drew.

Last month the former New York Times writer Nicholas Wade released his latest book on human evolution, A Troublesome Inheritance: Genes, Race, and Human History (2014, Penguin Press). In it, Wade argues that the genomic data amassed over the past ten years reveal real and meaningful biological differences between races, and that these differences explain much of the cultural and socioeconomic differences between people. If you haven’t read a newspaper or picked up a magazine in the last month, you may not have noticed that Wade’s book has—predictably—prompted intense and impassioned reaction from scientists, sociologists, and commentators from across the political spectrum. Writing for the Wall Street Journal, Charles A. Murray, author of The Bell Curve, called Wade’s book, “A delight to read … [that] could be the textbook for a semester’s college course on human evolution.” On the other hand, Arthur Allen, in his review for the New York Times, predicts that many readers will find Wade’s book to be, “a rather unconvincing attempt to promote the science of racial difference.”

Writers with considerably more gravitas than I have already pointed out that Wade seems to have a rather poor handle on the literature he reviews. Mike Eisen, professor of Molecular Biology in the Howard Hughes Medical Institute (HHMI) at University of California at Berkeley, writes that, “the book is riddled with scientific and logical flaws” and Wade’s “representation of modern genetics is simplistic and selective.” Likewise, Allen Orr, former president of the Society for the Study of Evolution, in his essay for the New York Review of Books warns that, “[Wade] is not the surest guide to a technical literature.” This is an understatement, to say the least. Indeed, many of Wade’s claims represent significant misunderstandings or misinterpretations of the literature.

Here, I offer the first in what I hope to be a series of posts examining Wade’s scientific claims, with a particular focus on his arguments about evolution and human genetics. I aim to review these in greater detail than has already been done elsewhere, but in terms that are still accessible to a general audience. I will not deal here with Wade’s arguments about the history of Western civilization and the relative contributions of economics and culture to the ascendancy of the West, which are topics that are well outside of my expertise.

Wade begins with the premise that recent population genetic studies reveal that human evolution has been “recent, copious, and regional.” On these very general points, I have no disagreement. The idea that all changes in allele frequencies ceased with the invention of agriculture is a notion that no one—apart from some of my introductory biology students—takes at all seriously. Likewise, it is inarguable that human populations vary genetically. As the evolutionary geneticist Richard Lewontin put it, “you don’t need a population geneticist to tell you that.”

However, starting from these uncontroversial (and frankly, rather banal) premises, Wade goes on to draw all manner of dramatic conclusions. Among other things, Wade works out that modern genetics confirm the existence of “three primary races”, that Europeans were genetically preprogrammed to become the world’s dominant culture, that African Americans may have evolved through natural selection to be inherently violent and socially deviant, and that Jews are genetically predisposed to careers in banking. (Seriously. You can’t make this stuff up!) Needless to say, the available evidence does not support Wade’s grandiose conclusions, many of which are directly contradicted by the very work he cites in support of his arguments. Over the next several weeks I will review several of Wade’s major claims, and evaluate what—if anything—the available data say about them.

Does modern genetics confirm the existence of human races?

Humans as a whole are unusual among primates in that we are remarkably genetically similar to one another (Gagneux et al. 1999). Needless to say, however, humans are not all genetically identical, and variation among humans is not distributed randomly. Rather, as is true of most mammals, genetic variation has a measurable geographic pattern in that people that live near each other tend to more genetically similar to one another. Within humans that pattern of geographic variation (or geographic structure) also bears a very strong mark of human history. Humans originated in Africa, and began to disperse into the rest of the world about 50,000 years ago, moving first into the Middle East, then into Europe, Asia, and finally into Oceania and the Americas. As a result, most of human genetic diversity is found within Africa, the source population. 

Human populations outside of Africa show progressively less and less variation as one moves further from Africa (Wang et al. 2007); as humans colonized each part of the globe in turn, each group of colonists carried with them only a subset of the genetic variation found in its source population. The combined effects of geographic structure and the history of humanity’s spread from our African homeland means that, for some genes, particular variants (alleles) are more common in some parts of the world than in others. So, given a sample of DNA from an individual, by looking at which genetic variants that individual carries at many, many genes we can estimate from where in the world that individual originated, often with a stunning degree of precision (Novembre et al. 2008). In addition, work by Noah Rosenberg and colleagues showed that when you use statistical tools (for example, the program STRUCTURE), to group individuals together into a pre-determined number of evolutionarily ideal populations, these populations largely correspond to continents of origin—but with some important exceptions, as we will see (Rosenberg et al. 2002; Rosenberg et al. 2005).

A guide to the science and pseudoscience of A Troublesome Inheritance, part I: The genetics of human populations

A measure of genetic variation (expected heterozygosity) contained within human populations located progressively further from east Africa, where modern humans originated. Image is from Wang et al. (2007), figure 2A.

In summarizing these facts about human genetic variation, Wade is largely on the mark. However, he misses several important points, both of which have major implications for Wade’s conclusions. The first of these, as has been pointed out by Jennifer Raff on her blog, Violent Metaphors, and as Jeremy Yoder explains in great technical detail at The Molecular Ecologist, STRUCTURE (the software used to cluster individuals into populations) does not, on its own, identify how many clusters actually exist. Rather, the investigator defines the number of populations in advance, and STRUCTURE then clusters the individuals accordingly[1], trying to find the statistically ‘best’ arrangement of individuals.

So, for example, a scientist might obtain a sample of genetic data from people living in each of several villages in the Alps, including some villages in Germany, and some in Switzerland. She would then feed these data into STRUCTURE. STRUCTURE will then ask for directions about how the data should be analyzed, including how many clusters it should use when grouping the individuals. In this case, since samples were taken from each of two countries, the scientist might tell STRUCTURE to assign the people into two populations. STRUCTURE will then assign each individual into a particular population, trying to create populations that—based on the frequency of genotypes within each resulting cluster—appear to be freely interbreeding.

Depending on how STRUCTURE organizes the individuals into these clusters, potentially interesting conclusions could be drawn. For example, we might find that the two clusters correspond to political boundaries—with people from villages in each country clustering together. Alternatively, the results might show that people from different villages that speak the same language cluster together, with the French and German speakers each forming separate groups, suggesting that language is more important than geography in determining who mates with whom. However, if the scientist had chosen to group the people into three clusters, instead of two, a different result might have emerged. For example, she might have found that both geography and language matter, with all the French speakers from Switzerland forming one cluster, the German-speaking Swiss another, and the people living in Germany forming a third.

Importantly, how many clusters are identified is a decision made by the scientist, not something that STRUCTURE determines. So, figuring out how many populations actually exist requires that we use some other criteria. At the time that Rosenberg completed their initial analyses, appropriate statistical tools for identifying the “optimal” number of clusters had not been developed [2]. Rosenberg’s group did, however, evaluate how the number of clusters chosen in advance affected “clusteredness” (the extent to which each individual is identified as belonging to one population, as opposed to having ancestry in multiple populations). They found that the highest levels of clusteredness were reached when STRUCTURE was asked to group individuals into 5 or 6 clusters (both of these produced similar levels of clusteredness when all individuals and all the genetic data were included) (Rosenberg et al. 2005).

The second important point that Wade seems to miss is that these idealized populations (or population clusters) do not correspond to any conventional racial classifications. Although Wade, conveniently, never explicitly defines what he actually means by race, he repeatedly makes the claim that modern genetics identifies “three primary races,” which he identifies as Africans, East Asians, and Europeans. These groupings correspond to the ‘negroid’, ‘mongoloid’, and ‘caucasoid’ races described by classical physical anthropology. The trouble is that none of the contemporary studies of human genetic variation actually find this.

Although Rosenberg and colleagues’ work showed that for five clusters the resulting groups correspond reasonably well to continent of origin—Africa, Europe, Asia, Oceania and the Americas (Wade manages to fold this into his ‘three primary races’ narrative by calling the Oceania and American groups as ‘minor continental races’), subsequent work by Sarah Tishkoff, which used a statistical criterion to identify the ‘best’ number of population clusters, identified 14 groups, nine of which were contained entirely within Africa (Tishkoff et al. 2009). That is, if we allow the data to identify human ‘races’ without guidance, we find 14, not Wade’s “three primary races”.

References

Bryc K., T. Karafet, A. Moreno-Estrada, A. Reynolds, A. Auton, M. Hammer, C. D. Bustamante & H. Ostrer (2010). Genome-wide patterns of population structure and admixture among Hispanic/Latino populations, Proceedings of the National Academy of Sciences, 107 (Supplement_2) 8954-8961. DOI: 10.1073/pnas.0914618107

Cavalli-Sforza L.L., C.R. Cantor, R.M. Cook-Deegan & M.-C. King (1991). Call for a worldwide survey of human genetic diversity: A vanishing opportunity for the Human Genome Project, Genomics, 11 (2) 490-491. DOI: 10.1016/0888-7543(91)90169-f

Evanno G. & J. Goudet (2005). Detecting the number of clusters of individuals using the software structure: a simulation study, Molecular Ecology, 14 (8) 2611-2620. DOI: 10.1111/j.1365-294x.2005.02553.x

Gagneux P., U. Gerloff, D. Tautz, P. A. Morin, C. Boesch, B. Fruth, G. Hohmann, O. A. Ryder & D. S. Woodruff (1999). Mitochondrial sequences show diverse evolutionary histories of African hominoids, Proceedings of the National Academy of Sciences, 96 (9) 5077-5082. DOI: 10.1073/pnas.96.9.5077

Moreno-Estrada A., J. C. Fernandez-Lopez, F. Zakharia, M. Sikora, A. V. Contreras, V. Acuna-Alonzo, K. Sandoval, C. Eng, S. Romero-Hidalgo & P. Ortiz-Tello & (2014). The genetics of Mexico recapitulates Native American substructure and affects biomedical traits, Science, 344 (6189) 1280-1285. DOI: 10.1126/science.1251688

Moreno-Estrada A., Fouad Zakharia, Jacob L. McCauley, Jake K. Byrnes, Christopher R. Gignoux, Patricia A. Ortiz-Tello, Ricardo J. Martínez, Dale J. Hedges, Richard W. Morris & Celeste Eng & (2013). Reconstructing the population genetic history of the Caribbean, PLoS Genetics, 9 (11) e1003925. DOI: 10.1371/journal.pgen.1003925

Morton SG (1839) Crania Americana: An essay on the varieties of the human species. J. Dobson, Philadelphia.

Novembre J., Katarzyna Bryc, Zoltán Kutalik, Adam R. Boyko, Adam Auton, Amit Indap, Karen S. King, Sven Bergmann, Matthew R. Nelson & Matthew Stephens & (2008). Genes mirror geography within Europe, Nature, 456(7218) 98-101. DOI: 10.1038/nature07331

Rosenberg N.A., Sohini Ramachandran, Chengfeng Zhao, Jonathan K. Pritchard & Marcus W. Feldman (2005). Clines, clusters, and the effect of study design on the inference of human population structure, PLoS Genetics, 1 (6) e70. DOI: 10.1371/journal.pgen.0010070

Rosenberg N.A. (2002). Genetic structure of human populations, Science, 298 (5602) 2381-2385. DOI: 10.1126/science.1078311

Tishkoff S.A., F. R. Friedlaender, C. Ehret, A. Ranciaro, A. Froment, J. B. Hirbo, A. A. Awomoyi, J.-M. Bodo, O. Doumbo & M. Ibrahim & (2009). The genetic structure and history of Africans and African Americans, Science, 324(5930) 1035-1044. DOI: 10.1126/science.1172257

Wang S., Mattias Jakobsson, Sohini Ramachandran, Nicolas Ray, Gabriel Bedoya, Winston Rojas, Maria V. Parra, Julio A. Molina, Carla Gallo & Guido Mazzotti & (2007). Genetic variation and population structure in Native Americans, PLoS Genetics, 3 (11) e185. DOI: 10.1371/journal.pgen.0030185

[1] STRUCTURE groups individuals into a predetermined number of clusters ‘K’, in such a way that the distribution of genetic variation (the genotype frequencies) within each cluster makes it appear that mating is occurring at random. That is, the software seeks to arrange individuals into groups in a way that minimizes the overall departures from Hardy-Weinberg equilibrium and linkage equilibrium.

[2] Subsequently a statistical approach has been suggested (Evanno et al. 2005), which selects the optimal number of clusters based on the rate at which the probability of observing the data, given the number of clusters posited, increases as more clusters are proposed. To my knowledge this approach has not been used to identify the optimal number of clusters in the Rosenberg dataset.

[3] The difference between genetic variation between races versus genetic variation within races is an important distinction (one that Wade entirely misses), which I will take up in a future post.

[4] Note that ‘genetic differentiation’ is not the same thing as genetic variation. Overall, Native American populations harbor far less genetic variation than the people of any other continent, having traveled further from Africa than any other group. The Moreno-Estrada result refers to a statistical measure of genetic variation called Wright’s FST, which measures the extent of genetic exchange between two populations, or, more precisely, the degree to which the distribution of genetic variation differs from what we would expect if the people living in each population were as likely to mate with someone from the other population as with someone from their own population.

Categories
Dimagrante

Eleganza gocce – opinioni – ingredienti – prezzo – dove comprare?

Eleganza gocce – opinioni – ingredienti – prezzo – dove comprare?


Eleganza es un suplemento en forma de gotas que te ayuda a perder peso sin necesidad de hacer dieta o ir al gimnasio. Siga unas sencillas pautas y perderá hasta 15 kg o más en 5 semanas.

En el post de hoy, profundizaremos en este producto. Le ayudaremos a entender cómo funciona y si es realmente eficaz. También le informaremos sobre su formulación, cómo utilizarlo y si es seguro. Todo indica que esta fórmula funciona, pero quizá te preguntes por qué y cómo, y aquí tienes las respuestas a esas preguntas…

Eleganza: ¿qué es y cómo funciona?

Eleganza: ¿qué es y cómo funciona?

Lo primero que debes saber sobre este producto es que no es una píldora de pérdida de peso, ni es una especie de proteína o producto típico de pérdida de peso como los geles de pérdida de peso o similares. Estas gotas de pérdida de peso funcionan porque están diseñadas para poner su cuerpo en un estado de cetosis.

Este producto funciona porque es muy fácil de digerir y todos sus ingredientes apoyan las funciones de quema de grasa y pérdida de peso del cuerpo. Además, al estar compuesto únicamente por elementos naturales, no tiene efectos secundarios ni contraindicaciones, por lo que puede ser utilizado por todo el mundo.

Eleganza: ¿cuáles son los beneficios y efectos de su uso?

Eleganza es una gota que puede combinarse con agua, zumo de frutas y otras bebidas y alimentos. El producto garantiza una serie de beneficios, gracias a todos los ingredientes que contiene la fórmula.

Estos son algunos de los beneficios del uso de las gotas:

  • acelera el metabolismo
  • mejora la descomposición de las grasas
  • pone al cuerpo en estado de cetosis
  • aumenta la energía para el entrenamiento y el ejercicio

Eleganza – ¿Cuál es la composición de las gotas?

Eleganza - ¿Cuál es la composición de las gotas?

Por lo general, cuando las píldoras para adelgazar se venden en las farmacias, no se sabe qué ingredientes contienen, es un puñado de ingredientes activos con nombres extraños que son claramente químicos. Sin embargo, la composición de W-Loss es completamente natural y sólo tiene:

  • Piña, esta fruta tropical es mucho más beneficiosa de lo que crees porque contiene una sustancia llamada bromelina, que en definitiva elimina las grasas, y por si fuera poco, también mejora el sistema digestivo y limpia el organismo de toxinas.
  • La naranja china, otra fruta que tiene un efecto positivo en el metabolismo del cuerpo a la vez que te llena de nutrientes y mejora la digestión.
  • Té verde, este elemento es extremadamente bueno, te da más energía, mejora la apariencia de tu piel y te ayuda a quemar grasa rápidamente. También es capaz de eliminar la retención de líquidos y reducir la celulitis.
  • La papaya, una fruta originaria de Sudamérica, es excelente para mejorar los procesos digestivos y, además, acelera el metabolismo. De hecho, el cuerpo se vuelve más eficiente y se deshace de las calorías vacías muy rápidamente.
  • La fruta de la pasión es excelente para proporcionar energía y, además, proporciona una sensación de saciedad. También se sabe que restablece la salud de los órganos digestivos, como los intestinos y el colon.

Eleganza: ¿hay contraindicaciones o efectos secundarios?

El producto no tiene contraindicaciones y su uso es muy seguro. Desde el primer día tendrás más energía, menos hambre e incluso tu sistema digestivo funcionará mejor.

Utilice la dosis recomendada para evitar una sobredosis.

Eleganza – ¿Cómo se usa? Dosificación e instrucciones

Eleganza - ¿Cómo se usa? Dosificación e instrucciones

El uso de estas gotas es muy sencillo, ya que no tienen un sabor desagradable y sólo hay que disolverlas en agua o zumo de frutas.

Este remedio natural para perder peso puede tomarse de dos a tres veces al día. Si tiene menos de 10 kg de sobrepeso, lo ideal es tomarlo sólo dos veces al día. Si tiene más de 10 kg de sobrepeso, tómelo antes de cada comida (tres veces al día).

Modo de empleo: diluir 20 gotas en un vaso de agua de 200 ml o en su bebida favorita (evitar las bebidas con gas) y tomar antes de las comidas.

Eleganza – opiniones y críticas del foro

Si quieres saber la eficacia de un producto, tienes que consultar las reseñas y los comentarios en foros especializados, así sabrás de primera mano cómo funciona y si es realmente efectivo.

Hace unos meses me sentía bastante mal, caminaba por algunas calles y me ahogaba. Siempre estaba cansado y cuando quería tener relaciones sexuales con mi pareja, estaba tan agotado que se me caía la erección. Me daba demasiada vergüenza hablar con alguien de ello, pero entré en un foro en el que un tipo describía el mismo problema y aseguraba que todo se debía al sobrepeso y que él estaba definitivamente mucho más gordo, así que compré este producto sin decírselo a nadie y empecé a tomarlo tres veces al día. La primera semana me sentí lleno de energía y sin mucha hambre, pero mi sorpresa fue que después de seis semanas me pesé y perdí 18 kilos. Realmente funciona y ni siquiera puedo decir lo íntimo que me hace sentir. ¡Soy un semental!

Hace más de seis años que estoy gorda y probé todas las formas de perder peso y nada… hasta que conseguí Eleganza. Me sorprendió, perdí 12 kilos en un mes y en el segundo mes perdí aún más: 18 kilos, y las gotas son muy baratas. También dejé de picar entre horas, hice ejercicio e incluso regulé mis movimientos intestinales. Nunca me he sentido tan sano y lleno de energía, lo recomiendo a todo el mundo.

Eleganza: ¿precio y dónde comprar? Amazon, Farmacia

Eleganza: ¿precio y dónde comprar? Amazon, Farmacia

Eleganza es un producto que no se vende en farmacias ni en portales de venta tradicionales como Amazon o eBay. Esto se debe a que el fabricante sólo produce un pequeño número de gotas al mes, ya que requieren extractos de la más alta calidad y un complejo proceso de fabricación.

El producto está disponible en Amazon, pero se trata de gotas revendidas a un precio muy superior o de falsificaciones. Por lo tanto, se recomienda comprar sólo en la web oficial donde se obtienen descuentos, ofertas y el mejor precio promocional.

Además, al comprar en el portal oficial de ventas está garantizado y tienes un 50% de descuento. Esta oferta es sólo por tiempo limitado, así que aprovecha y pierde esos kilos de más, ¡es barato!



Categories
Salute

Hondrox spray – opinioni, ingredienti, prezzo, dove comprare?

Hondrox spray – opinioni, ingredienti, prezzo, dove comprare?


Hondrox è uno spray per il trattamento dei disturbi articolari e spinali, disponibile per la distribuzione attraverso il sito web del produttore. Il produttore nota che la sua formula è completamente naturale ed esclude qualsiasi effetto collaterale o controindicazione. È completamente sicuro per lesioni, artrite, osteoartrite, osteoporosi e altre condizioni articolari.

Un’articolazione è il luogo dove due o più ossa si uniscono, come il ginocchio, l’anca, il gomito o la spalla. Questi possono essere danneggiati da lesioni o condizioni esistenti, causando dolore, gonfiore e rigidità. Il trattamento può variare a seconda della causa e può andare dal sollievo dal dolore alla riabilitazione e talvolta alla chirurgia. Anche i rimedi casalinghi sono un metodo di trattamento molto usato. Hondrox rientra in quest’ultima categoria. Il suo produttore sostiene e ha presentato che è una medicina naturale sviluppata da piante medicinali.

Hondrox – Cos’è e come funziona?

Hondrox - Cos'è e come funziona?

Hondrox è uno spray organico per il trattamento naturale delle malattie delle articolazioni e della colonna vertebrale. La sua formula è basata su estratti di ingredienti organici che hanno rigorosi studi clinici che dimostrano l’efficacia contro i sintomi del dolore e dell’infiammazione.

Il prodotto ha studi clinici che dimostrano che il rimedio per le articolazioni è stato testato di fronte a un gruppo di utenti e come risultato, si è notato che gli effetti sono apparsi circa 3 ore dopo la prima applicazione e questi sono continuati fino a 30 giorni. Alla fine, è stato dimostrato che il recupero è stato raggiunto entro 30 giorni.

  • Allevia il dolore causato dall’infiammazione o anche in assenza di infiammazione.
  • Riduce l’infiammazione delle articolazioni.
  • Combatte la causa dell’artrite.
  • Riduce il rischio di lesioni e protegge dall’infiammazione.

Hondrox – quali sono i benefici e gli effetti?

La malattia delle articolazioni non dovrebbe essere presa alla leggera per nessun motivo, perché porta a danni che possono essere irreversibili.

Hondrox spray funziona in 5 fasi:

  • dolore e infiammazione – Elimina i dolori di movimento e le nevralgie associate all’artrite.
  • deformità intorno alle articolazioni – Il gonfiore della membrana sinoviale causa la distruzione e la deformazione della cartilagine articolare, con conseguente rigidità. Questa formula funziona anche per eliminare questa infiammazione.
  • elasticità dell’apparato legamentoso – Con l’uso quotidiano della formula, i tessuti articolari degenerati e danneggiati vengono ricostruiti.
  • rigidità delle articolazioni – Rigenera anche i dischi intervertebrali danneggiati, che sono responsabili di limitare il movimento in posizione di riposo per molto tempo. Per esempio, quando ti siedi o quando dormi.
  • prevenzione delle lesioni – Hodnrox è anche buono per le persone che si allenano. Un’altra delle sue funzioni è quella di eliminare le microlesioni causate da articolazioni, muscoli e tendini tesi.

Hondrox – quali ingredienti contiene lo spray?

Hondrox - quali ingredienti contiene lo spray?

Lo spray consiste in una combinazione di estratti in proporzioni appropriate. Vediamo quali sono e qual è il principio di azione di ognuno di loro nella preparazione:

  • Olio di abete siberiano. Si tratta di un ingrediente naturale ampiamente utilizzato nella medicina tradizionale per le sue forti proprietà antinfiammatorie. È stato incluso nella formula a questo scopo.
  • Estratto di radice di marala. Ha effetti analgesici, antiossidanti e antinfiammatori. Aiuta anche a ottimizzare e migliorare la funzione immunitaria.
  • Propoli siberiana. Ha proprietà che promuovono la rigenerazione e accelerano il recupero e la guarigione dei tessuti. Si dice anche che abbia effetti antireumatici e migliori la circolazione del sangue.
  • Comarum palustre. La sua azione principale è contro l’artrosi e le infiammazioni articolari. È altamente raccomandato per combattere l’infiammazione delle radici nervose. Tra i suoi altri effetti eccezionali ci sono forti proprietà antiossidanti che prevengono l’invecchiamento.

Hondrox – ci sono controindicazioni o effetti collaterali?

Secondo quanto spiegato dal produttore sulla formula di Hondrox, i suoi ingredienti sono di origine vegetale e sono stati testati per gli effetti collaterali e le controindicazioni. Il trattamento delle articolazioni con questo gel è completamente sicuro e adatto a tutti.

Quanto è raccomandato questo rimedio per le malattie articolari?

Il produttore raccomanda pienamente il suo prodotto a tutti coloro che vogliono trattare le loro condizioni articolari in modo naturale. Gli effetti e i risultati sono anche supportati da varie recensioni di utenti del prodotto e di esperti che lo raccomandano. Pertanto, è un gel di supporto che è raccomandato e ha prove cliniche documentate.

Hondrox – recensioni e opinioni degli utenti

Una cosa particolare che fa risaltare questo prodotto sono le abbondanti recensioni online dopo il suo breve tempo sul mercato. Diamo un’occhiata più da vicino a ciò che queste testimonianze hanno da dire.

Mi sono ferito durante uno dei miei allenamenti e da allora ho provato dolore e infiammazione. Il medico gli ha prescritto degli antidolorifici, ma dopo averli sospesi il dolore è tornato. Ho ordinato questo spray e dal primo momento in cui ho iniziato a usarlo, il dolore e l’infiammazione sono scomparsi.

Consiglio questo prodotto perché funziona. Ho provato molti rimedi e anche la riabilitazione. Il dolore alle ginocchia non è andato via. Il mio medico mi ha raccomandato un trattamento e io ho seguito le istruzioni. Ma ho anche deciso di usare questo spray Hondrox perché era naturale e non aveva controindicazioni, così le articolazioni si sono rigenerate completamente. Oggi non ho alcun dolore o disagio associato ad esso.

Hondrox – prezzo e dove acquistare? amazon, eBay, farmacia

Hondrox - prezzo e dove acquistare? amazon, eBay, farmacia

Attualmente, il prezzo di Hondrox spray può essere ridotto fino al 50%. Il valore di questo sconto può variare e può essere ridotto. Per vedere il costo attuale clicca su uno dei link di questa pagina.

Hondrox può essere acquistato attraverso il produttore. Per rendere questo possibile, è stato creato un sito web che permette una distribuzione esclusiva, sicura e affidabile a tutte le persone. L’acquisto è semplice e viene spiegato nei seguenti passi:

Fai un acquisto – Vai sul sito ufficiale QUI o su uno dei link di questa pagina. Trovi il modulo di acquisto e lo riempia con il suo nome e numero di telefono di contatto. Poi clicca sul pulsante “Ordina ora”.
Conferma dell’ordine – Aspetta una chiamata dall’operatore per confermare il tuo ordine e fornire un indirizzo per il ritiro dell’ordine.
Ricevere il prodotto ed effettuare il pagamento – Il prodotto sarà consegnato alla data indicata. Una volta che l’hai ricevuto, procederai a fare il tuo pagamento.



Cos’è l’artrite?

L’artrite è una malattia conosciuta da centinaia di anni. Una volta era chiamata la malattia dei ricchi perché di solito colpiva le persone delle classi sociali più alte che conducevano stili di vita piuttosto inattivi e le cui diete erano ricche di prodotti dannosi per la salute. Oggi la malattia è chiamata anche gotta o, un po’ antiquatamente, gotta. Tuttavia, indipendentemente da come viene chiamata, l’artrite è una malattia caratterizzata principalmente da un’infiammazione ricorrente e acuta delle articolazioni.

Il metabolismo anormale dell’acido urico è responsabile della comparsa dell’artrite. In condizioni normali, il livello di questa sostanza è così basso che si dissolve nel sangue senza alcun problema. Nel caso dell’artrite, c’è troppo acido urico, quindi comincia a cristallizzare, e i suoi cristalli si depositano nelle articolazioni, così come nei tendini e nei reni.

Ci sono due tipi principali di artrite:

  • Primaria – ha una base genetica ed è causata da un metabolismo anormale delle purine, le sostanze responsabili della concentrazione di acido urico nel sangue
  • Secondario – è associato ad altre malattie, come il diabete o l’ipertensione, o allo stile di vita (ad esempio, consumo eccessivo di alcol, mancanza di attività fisica, cattiva alimentazione). Abuso di alcuni farmaci)

Si stima che fino a circa il 4% della popolazione dei paesi sviluppati soffra di artrite, la maggior parte dei quali sono persone anziane. L’artrite colpisce anche gli uomini più spesso delle donne.

Qual è il corso dell’artrite?

L’artrite è una malattia insidiosa che può svilupparsi completamente inosservata per anni. La sua causa principale è l’eccessiva produzione di acido urico – una condizione che chiamiamo iperuricemia. Il meccanismo esatto di questo disturbo non è noto, tuttavia, si sa che alcune malattie e uno stile di vita scorretto possono contribuire ad esso. Per esempio, si stima che una dieta scorretta contenente grandi quantità di alcol, carne e frutti di mare sia responsabile di circa il 12% dei casi di artrite. Indipendentemente dalla causa dell’iperuricemia, l’acido urico in concentrazioni troppo alte comincia a cristallizzare e ad accumularsi nelle articolazioni. Nel tempo, questi cristalli crescono, danneggiando i tessuti e portando all’infiammazione.

Quali sono i sintomi dell’artrite?

Il sintomo più comune dell’artrite è un improvviso e forte dolore alle articolazioni – più spesso sono colpite le articolazioni metatarso-falangee alla base dell’alluce (circa il 50% dei casi), ma possono essere colpite anche le articolazioni della caviglia, del ginocchio, del polso e delle dita. Il dolore alle articolazioni può durare diversi giorni e di solito inizia di notte. È causato da una diminuzione della temperatura corporea durante il sonno. Altri sintomi includono:

  • Debolezza e febbre,
  • Gonfiore intorno alle articolazioni – arrossamento e tensione della pelle
  • Perdita di peso
  • Problemi di movimento

La malattia può anche essere accompagnata da un’infiammazione dei reni. L’artrite è all’inizio difficile da distinguere dalla semplice artrite, poiché la condizione stessa può essere un sintomo della malattia. È solo quando i livelli di acido urico vengono testati che si può dare un risultato definitivo.

Come trattare l’artrite?

L’artrite è una malattia incurabile, tuttavia, è possibile fermare il suo sviluppo e alleviare i suoi fastidiosi sintomi. Il ruolo chiave nel trattamento è giocato dalla dieta, che dovrebbe consistere principalmente di frutta e verdura, uova, latticini e cereali integrali. È necessario escludere l’alcol dalla dieta, così come le carni grasse, specialmente quelle al forno e fritte.

Una dieta strettamente osservata può ridurre significativamente la quantità di purine che influenzano la quantità di acido urico nel corpo. Oltre alla dieta, dovrebbero essere usati analgesici, antinfiammatori e diuretici. Un tale set permette di facilitare significativamente la vita di un anziano che soffre di artrite.

Come aiutare una persona anziana?

L’artrite è un disturbo molto fastidioso, che causa grande disagio e rende difficile la vita quotidiana. Questo è il motivo per cui il caregiver dell’anziano gioca un ruolo così importante nel sostenere il cliente. Soprattutto, è importante prestare attenzione all’aumento del dolore. Alcuni anziani possono avere difficoltà a comunicare il loro disagio, quindi è importante osservarli da vicino e rispondere quando si sospetta che i sintomi dell’artrite stiano peggiorando. La somministrazione di antidolorifici non è l’unica soluzione – anche gli impacchi freddi applicati sulle zone colpite per alcuni minuti possono aiutare.

Puoi anche aggiungere cibi anti-infiammatori alla tua dieta, come lo zenzero, l’aglio e la curcuma. Tuttavia, è importante consultare il proprio medico o dietologo prima di apportare qualsiasi cambiamento alla propria dieta.

Hondrox spray – opinioni, ingredienti, prezzo, dove comprare?


Categories
Salute

Germixil capsule – opinioni, ingredienti, prezzo, dove comprare

Germixil capsule - opinioni, ingredienti, prezzo, dove comprare


Germixil è un nuovo rimedio innovativo che permette in modo sicuro e permanente di sbarazzarsi di parassiti e vermi presenti nel corpo umano.

Sapevi che la presenza di parassiti può portare a danni meccanici alla pelle, all’intestino, al sistema nervoso e al fegato? Sottovalutare il problema può addirittura portare alla morte!

Se avete sintomi che possono indicare la presenza di parassiti, è necessario consultare un medico. Quando le tue paure sono confermate, segui prima di tutto le raccomandazioni date dallo specialista. Puoi anche supportare ulteriormente il tuo organismo, anche utilizzando un integratore Germixil, che oggi vedremo più da vicino.

Germixil – cos’è e come funziona?

Germixil - cos'è e come funziona?

L’uso regolare di Germixil non solo aumenta l’efficacia della lotta contro i parassiti, ma aumenta anche l’immunità, riducendo il rischio della loro comparsa in futuro.

È importante notare che questo integratore non solo aiuta il corpo a combattere i parassiti, ma migliora anche la sua rigenerazione. Secondo le informazioni ufficiali, è dedicato non solo agli adulti, ma anche ai bambini, ai quali dovrebbe piacere il suo gusto molto piacevole. Se usato regolarmente, dovrebbe, tra le altre cose:

  • migliorare la condizione di capelli, pelle e unghie,
  • migliorare la funzione intestinale e l’intero sistema digestivo,
  • aiutano a rigenerare il fegato,
  • migliorare l’umore e l’immunità,
  • uccidere efficacemente i parassiti che si annidano nel corpo.

Germixil – quali sono i vantaggi e gli effetti del suo utilizzo?

I parassiti sono difficili da eliminare, ma Germixil è in grado di occuparsene entro 30 giorni. L’agente funziona in modo completo, le sostanze che contiene distruggono i parassiti in ogni stadio di sviluppo, grazie al quale non c’è rischio che il problema ritorni dopo pochi giorni. Ciò che è importante, la preparazione ha un impatto positivo su tutto il corpo. A differenza degli agenti chimici che causano una serie di effetti collaterali, Germixil è delicato, la sua azione è

  • rimozione dei parassiti,
  • miglioramento della microflora intestinale,
  • sostenere la ricostruzione di tessuti e organi danneggiati dai parassiti,
  • rimuovendo l’infiammazione,
  • inibizione dell’emorragia,
  • rigenerazione dell’organismo dopo un’infezione,
  • guarigione di ferite ed erosioni,
  • protezione di fegato, cuore, polmoni, stomaco e pelle,

Germixil – quali ingredienti contengono le capsule?

Germixil - quali ingredienti contengono le capsule?

Dato che la composizione è così naturale, vale la pena darle un’occhiata, giusto? Fortunatamente, queste informazioni non sono segrete e il produttore le condivide sul suo sito web. Si dice che le compresse di Germixil contengano:

  • achillea – si suppone che questo ingrediente sia responsabile dell’uccisione dei parassiti e della loro graduale eliminazione,
  • erba Centuria – responsabile della rigenerazione dei tessuti e della guarigione delle ferite della pelle,
  • capsico profumato – ha principalmente un effetto protettivo, proteggendo l’intestino contro la comparsa di parassiti in esso.

Inoltre, il produttore informa circa 20 ingredienti aggiuntivi, che sono responsabili della protezione degli organi interni. Purtroppo, sul sito web è vano trovare informazioni su cosa siano esattamente questi prodotti.

Germixil – ci sono controindicazioni o effetti collaterali?

L’azienda responsabile della produzione di questo specifico si vanta di aver sviluppato una formula unica, che si basa esclusivamente su ingredienti naturali. Allo stesso tempo, sul sito web è possibile trovare i risultati degli studi condotti su un gruppo di volontari. Praticamente in tutti i casi, l’uso di questo prodotto ha portato all’eliminazione dei parassiti, e la grande maggioranza ha rigenerato la pelle e l’intestino danneggiati.

La ricerca e la composizione naturale sono una garanzia che l’uso di Germixil è completamente sicuro per la salute umana. Questo è confermato anche dal fatto che il produttore informa sul suo sito web che può essere somministrato anche ai bambini. Il prodotto è disponibile senza prescrizione medica e, se le affermazioni sono da credere, è certificato e raccomandato da molti medici.

Germixil – come si usa? dosaggio e istruzioni

Germixil - come si usa? dosaggio e istruzioni

Anche se si tratta di un integratore alimentare, vogliamo ricordare che anche questi prodotti devono essere utilizzati secondo le raccomandazioni del produttore. Se hai intenzione di comprare Germixil e vuoi iniziare un trattamento, è essenziale leggere le informazioni sul dosaggio, che sicuramente troverai sulla confezione. Questa è la base per l’uso sicuro e l’efficacia di questo prodotto. Non possiamo descrivere il metodo di assunzione di queste compresse, poiché il produttore non fornisce tali informazioni sul suo sito web.

Germixil – forum opinioni e recensioni

Quasi tutte le persone che sono state disposte a condividere la loro storia confermano che il rimedio funziona. Gli utenti lodano non solo l’azione veloce, ma anche l’impatto positivo sulla salute. Germixil è un integratore naturale, si inserisce perfettamente nella tendenza di vivere in armonia con la natura ed evitare prodotti chimici onnipresenti. Può essere usato quando appaiono i sintomi, ma è anche una misura preventiva efficace. La composizione naturale significa che non vi è alcun rischio di sovradosaggio e di causare reazioni avverse. Diverse persone hanno commentato l’integratore, ecco cosa dicono.

“Ho lottato a lungo contro il cattivo umore, l’insonnia e la mancanza di energia. Non sapevo cosa ci fosse di sbagliato in me. I medici mi spingevano le vitamine, ma solo dopo molte visite arrivarono alla conclusione che i parassiti potevano essere la causa della mia condizione. Sono stato indirizzato per dei test che hanno confermato la presenza di ascaridi. Le sostanze chimiche prescritte dal medico causavano una serie di effetti collaterali, così ho deciso di concentrarmi su preparati naturali. Germixil ha funzionato rapidamente, i vermi sono scomparsi e con loro i miei problemi. Dormo di nuovo bene e ho così tanta energia che posso spostare le montagne”.

“Da quando mio figlio è andato all’asilo è stato costantemente infettato dai vermi delle spine. Non volevo trattarlo con prodotti chimici prescritti dal pediatra. Hanno aiutato solo per qualche settimana e poi il problema è tornato. Un amico mi ha consigliato il rimedio naturale Germixil. Avevo un po’ paura, non volevo danneggiare il bambino, ma la composizione naturale e le recensioni positive mi hanno convinto. Dal momento in cui ho dato il preparato a mio figlio, il problema dei tarli è scomparso. Con la coscienza pulita raccomando Germixil ad altri genitori”.

Germixil – prezzo e dove acquistare?

Germixil - prezzo e dove acquistare?

Per quanto riguarda il prezzo, dobbiamo mandarvi direttamente al sito del produttore. Purtroppo, non siamo in grado di determinare con precisione quanto si deve pagare per Germixil. Il produttore lancia regolarmente promozioni brevi, ma estremamente attraenti. Gli sconti arrivano fino al 50%, quindi se siete determinati a comprare questo agente, tale vendita può essere un momento ideale.

Germixil è venduto solo sul sito web del produttore. L’azienda non ha una distribuzione aggiuntiva, quindi fate attenzione ai falsi. I prodotti trovati su altri siti possono non essere genuini, il che rende il loro utilizzo un po’ rischioso. Si consiglia di utilizzare la fonte elencata qui.



Compresse per la pulizia del corpo

Gli integratori alimentari per la pulizia del corpo utilizzano le erbe urinarie e coleretiche descritte sopra e quelle che stimolano la peristalsi intestinale, o estratti e sostanze attive derivate da esse, come la silimarina (cardo), la cinarina (carciofo), la curcumina (curcuma) e la betaina (barbabietola).

Un ingrediente essenziale negli integratori per la pulizia è la clorofilla, un pigmento vegetale verde. Ha un forte effetto disintossicante e protettivo soprattutto sui polmoni. È contenuta nelle foglie delle erbe, ma anche in altri prodotti utilizzati per eliminare le tossine, come l’orzo verde o il grano verde (altrimenti noto come erba d’orzo o erba di grano, cioè giovani piante sviluppate dai germogli), le alghe come la clorella o la spirulina, o il prezzemolo o il cavolo essiccati. Questi ingredienti sono anche disponibili come polveri che possono essere aggiunte ai frullati, per esempio.

Gli aminoacidi e i loro derivati, come la colina o l’ornitina, sono anche utilizzati in compresse e capsule per sostenere in particolare la funzione epatica.

Quando si sceglie un integratore alimentare che supporta la pulizia dell’organismo, vale la pena leggere attentamente la sua composizione e rinunciare a comprarlo se, oltre a preziose erbe, contiene additivi inutili e dannosi, come coloranti artificiali, conservanti o ingredienti nell’involucro della compressa.

Diete per la pulizia del corpo

Le diete più popolari per la pulizia del corpo, cioè la disintossicazione, sono le diete a base di verdura e frutta, così come le diete a base di succhi o zuppe.

La questione più importante di una tale dieta, tuttavia, è la qualità dei prodotti consumati. Gli ortaggi e la frutta accumulano grandi quantità di contaminanti, come i prodotti fitosanitari, i fertilizzanti artificiali o i composti che accelerano la crescita e la maturazione. L’agricoltura convenzionale utilizza una quantità eccessiva di questi prodotti, oltre alle sostanze accumulate nel suolo. Di conseguenza, ogni frutta o verdura contiene una dozzina o venti diverse sostanze chimiche estranee.

Pertanto, una dieta di frutta e verdura dovrebbe essere basata su prodotti da agricoltura biologica, o da una fonte affidabile, dove i metodi di coltivazione sono simili a quelli naturali.

I prodotti biologici contengono molti meno residui di pesticidi e fertilizzanti chimici sotto forma di nitrati e nitriti. Contengono più vitamina C e altre vitamine, minerali, antiossidanti e anche proteine. Hanno anche un odore e un sapore migliori.

Diete depurative – per chi?

Le diete di pulizia del corpo possono essere utili per le persone che hanno un cibo spazzatura o altre diete malsane basate su cibi altamente trasformati e poca frutta e verdura. Anche le persone che usano stimolanti, mangiano troppo e hanno problemi intestinali ne trarranno beneficio.

Un carico eccessivo di tossine si manifesta anche con bassi livelli di energia, problemi di pelle, gonfiore persistente senza malattia sottostante, ritenzione idrica nel corpo, ridotta tolleranza ai grassi, o eccessiva sudorazione e odore del corpo.

Le diete depurative in quanto sbilanciate e con insufficiente valore calorico non sono raccomandate per alcuni gruppi di persone:

  • donne incinte e in allattamento,
  • bambini e adolescenti prima della pubertà,
  • persone con ipertiroidismo,
  • persone che sono sottopeso, malnutrite o che soffrono di cachessia,
  • con depressione,
  • persone con il cancro,
  • con tubercolosi e infezioni,
  • malati cronici e persone con malattie congenite.
Germixil capsule - opinioni, ingredienti, prezzo, dove comprare


Categories
Salute

Onixan spray – opinioni, ingredienti, prezzo, dove comprare?

Onixan spray - opinioni, ingredienti, prezzo, dove comprare?


Onixan Spray è un prodotto intelligente e innovativo che eliminerà il fungo del piede istantaneamente e senza controindicazioni. Infatti, è un prodotto all’avanguardia specificamente progettato per eliminare in modo sicuro le fastidiose infezioni ai piedi per tutta la famiglia.

Onixan Spray è efficace contro non meno di 350 tipi di infezioni fungine, elimina l’infiammazione, il prurito e l’odore e rimuove completamente la causa sottostante in sole 24 ore.

Onixan Spray è adatto anche ai bambini e garantisce una difesa completa anche contro le ricadute e la cronicità; scopri qui tutti i segreti di Onixan Spray, i suoi ingredienti, come usarlo e leggi le opinioni di chi lo ha già usato con successo.

Onixan – cos’è e come funziona?

Onixan - cos'è e come funziona?

Onixan Spray è un medicinale specificamente progettato per combattere le infezioni fungine di particolare interesse nei piedi. Il preparato agisce entro 24 ore ed elimina

  • cattivi odori causati anche da attacchi batterici;
  • vesciche e ferite tipiche delle infezioni fungine;
  • Dermatite e conseguente desquamazione della pelle;
  • prurito costante;
  • la delaminazione e lo sfaldamento delle unghie.

Inoltre, Onixan Spray è pratico e può essere preso ovunque, anche in vacanza o in palestra, e promette risultati duraturi e quasi immediati. La sua formula è bioattiva e ricca di ingredienti naturali sicuri, senza controindicazioni e, soprattutto, efficace per eliminare le infezioni fungine e tutti i disturbi correlati. Tigna, dermatite, infiammazione, pelle desquamata, vesciche sono solo alcuni dei problemi che puoi risolvere usando Onixan Spray. Il prodotto ha un effetto rigenerante, curativo e protettivo ed è adatto a tutta la famiglia. Può essere applicato istantaneamente e utilizzato tutto l’anno.

Onixan – quali sono i benefici e gli effetti?

Onixan Spray si differenzia da altri prodotti simili perché

  • tratta i funghi delle unghie e della pelle completamente e alla fonte;
  • elimina i funghi a livello molecolare in sole 24 ore;
  • ha un’azione antibatterica immediata e naturale ma efficace;
  • elimina il prurito e l’infiammazione entro pochi giorni dalla prima applicazione;
  • penetra attraverso la pelle sotto l’unghia e agisce rapidamente su tutta l’area infetta;
  • penetra in profondità, eliminando le infezioni nei diversi strati dell’epidermide.

Per godere di tutti questi benefici, basta spruzzare l’Onixan Spray originale sulle parti da trattare e aspettare che faccia effetto. Questo prodotto è facile da usare, sicuro, senza effetti collaterali e funziona immediatamente anche sulle infezioni fungine croniche.

Oltre alla sua azione fungicida, fungistatica e dermatologica, Onixan Spray

  • nutre e idrata la pelle dei piedi;
  • migliora la crescita delle unghie e ne rafforza la struttura;
  • disinfetta i piedi ed elimina gli odori sgradevoli per sempre.

Onixan Spray: ingredienti e composizione

Onixan Spray: ingredienti e composizione

Onixan Spray per l’eliminazione del fungo del piede consiste di 30 ingredienti naturali sicuri ed efficaci. Ecco alcuni degli ingredienti:

  • Estratto di quercia Farnia – è un antinfiammatorio e antisettico naturale il cui estratto è un vero toccasana per trattare in breve tempo infiammazioni e varie infezioni della pelle. È stato usato per decenni per combattere dermatiti, tigna e qualsiasi efflorescenza cutanea causata da virus e batteri fungini.
  • Olio essenziale di Salvia: grazie alle sue proprietà naturali lenitive, disinfettanti, antisettiche e antinfiammatorie, è ideale per lenire ed eliminare gli attacchi fungini sulla pelle dei piedi ed è particolarmente efficace nelle infezioni fungine e nelle dermatiti lievi o moderate.

La miscela di ingredienti di Onixan Spray garantisce un attacco mirato e immediato all’infiammazione fungina, e grazie alla sinergia di tutti questi eccipienti, tutti possono godere di un rimedio naturale pratico, intelligente e soprattutto sicuro. Tutti gli ingredienti del prodotto sono elencati nel foglietto illustrativo, e tra questi troverete, per esempio, acqua, glicerina, olio di germe di grano, pantenolo, mentolo, acido salicilico, ecc.

Onixan – ci sono effetti collaterali o controindicazioni all’uso dello spray?

Abbiamo esaminato in dettaglio gli ingredienti funzionali di Onixan Spray, che sono tutti eccipienti di origine naturale, sicuri ed efficaci. Proprio per la sua composizione, il prodotto antimicotico non ha controindicazioni, anzi, è molto ben tollerato e può essere tranquillamente spruzzato anche sulla pelle dei bambini. Tuttavia, il suo uso non è raccomandato per le persone che sono allergiche o intolleranti a uno o più dei suoi ingredienti. Inoltre, se l’attacco fungino peggiora durante l’uso della preparazione topica, è meglio interrompere il trattamento e contattare il medico o il dermatologo.

Onixan Spray: dosaggio e istruzioni per l’uso

Onixan Spray: dosaggio e istruzioni per l'uso

L’uso di Onixan Spray è davvero molto semplice, basta spruzzarlo alla giusta distanza sulla parte interessata e aspettare che inizi a funzionare. Entro 24 ore, i suoi principi attivi agiranno sull’attacco batterico e i primi miglioramenti si sentiranno dopo appena un giorno. Naturalmente, il modo migliore per utilizzare il prodotto è quello di seguire meticolosamente le istruzioni sulla confezione ed essere coerenti nel suo utilizzo.

Il trattamento può durare, a seconda del grado di infiammazione e della vostra reazione a Onixan Spray, da 2 a 4 settimane, e i risultati, anche se certi, sono completamente soggettivi, ogni persona reagisce al prodotto in modo diverso, questo va sempre sottolineato ed è vero per qualsiasi altro prodotto naturale e non.

Inoltre, Onixan deve essere spruzzato solo su pelle pulita e asciutta e direttamente sull’area interessata, si raccomanda di asciugare bene il prodotto e solo allora usare una garza sterile per proteggere l’area da croste o altre irritazioni. Onixan Spray non è solo un liquido curativo efficace e sicuro, ma non unge e non macchia, si assorbe rapidamente e ha un piacevole profumo di menta fresca.

La procedura d’uso raccomandata dal produttore comprende i seguenti passi:

  • lavare accuratamente la zona da trattare con acqua tiepida, senza sapone o altri detergenti;
  • asciugare molto bene la zona da trattare;
  • Spruzzare Onixan Spray sull’area da trattare e lasciare asciugare;
  • se il prodotto stesso resiste all’asciugatura, facilitare l’assorbimento con un leggero massaggio, che deve essere fatto solo con mani pulite e asciutte;
  • Applicare una garza traspirante e coprire, o meglio ancora, lasciare il piede libero;
  • Applicare Onixan Spray due volte al giorno fino a quando l’infestazione è completamente sparita.

Onixan Spray: prezzo e dove acquistare? Amazon o farmacia

Onixan Spray: prezzo e dove acquistare? Amazon o farmacia

L’innovativo Onixan Spray per il trattamento, per via topica, degli attacchi di tinea pedis può essere acquistato solo online attraverso il portale ufficiale. Solo qui, infatti, si vende il prodotto originalke e si può godere ogni giorno di promozioni e sconti dedicati davvero vantaggiosi. Solo:

  • collegarsi al sito web di Onixan Spray;
  • compilare il modulo d’ordine che troverete nella home page;
  • cliccare su Ordina e aspettare una chiamata da un rappresentante commerciale che confermerà la spedizione.

Entro pochi giorni, riceverai la tua spedizione tramite corriere nazionale e potrai pagare comodamente in contanti alla consegna, senza dover pagare in anticipo quando acquisti online. Non solo, le spese di spedizione sono sempre gratuite e oggi pagherai metà prezzo per una bottiglia di Onixan Spray: solo 39 euro invece di 78.



Smalto per i funghi delle unghie

Il fungo delle unghie è un problema comune oggi, il che comporta la disponibilità di un numero crescente di specifiche che lo trattano. Funzionano allo stesso modo delle vernici normali: si applicano sulle piastrelle interessate e poi si lavano accuratamente. Alcuni dei preparati hanno anche (secondo la promessa del produttore) proprietà schiarenti aggiuntive, il che dovrebbe garantire un migliore aspetto delle lastre dopo alcuni giorni di trattamento.

Unguento per i funghi delle unghie

Un altro metodo di trattamento sono le pomate, applicate topicamente sulle parti della pelle colpite dal fungo. Il più delle volte si usano una o due volte al giorno finché non si ottiene un miglioramento visibile. Dopo il miglioramento, è necessario continuare il trattamento per almeno un altro mese per ridurre il rischio di ricaduta dei sintomi.

Farmaci per il fungo delle unghie

Le suddette specifiche possono essere acquistate senza prescrizione medica praticamente in ogni farmacia. Il loro svantaggio più grave è che sono adatti all’uso solo nelle forme lievi di onicomicosi. Il suo decorso più grave ci costringerà a consultare un dermatologo, e – probabilmente – a prendere farmaci antimicotici per via orale.

Alcuni di questi preparati sono utilizzati durante la cosiddetta terapia a impulsi. Consiste nel prendere le compresse per una settimana, poi facciamo una pausa di tre settimane, e poi di nuovo per sette giorni prendiamo la specifica prescritta. L’intera terapia dura 3 mesi, e il principio attivo lavora all’interno dell’unghia per altri 9 mesi. Dopo questo tempo, il miglioramento dovrebbe essere già visibile a occhio nudo.

Fungo delle unghie – rimedi casalinghi

Gli specialisti sottolineano che in caso di micosi avanzata, è necessario un intervento medico. Il trattamento da solo può essere usato come ausiliario, per mantenere gli effetti benefici del trattamento dermatologico.

Fungo delle unghie – bicarbonato di sodio – Immergere i piedi in acqua con bicarbonato di sodio (quattro cucchiai di soda in due litri d’acqua) è considerato un metodo provato. Tenete i piedi nella soluzione per mezz’ora, poi asciugateli con cura, facendo molta attenzione agli spazi tra le dita.

Indipendentemente dal metodo di trattamento attuato, non dimenticare che la lotta contro il fungo delle unghie è un processo a lungo termine. Molti pazienti lo abbandonano dopo poche settimane, non vedendo risultati sufficienti. Questi, a loro volta, spesso appaiono solo dopo alcuni mesi (l’intero trattamento a volte dura anche un anno). Dobbiamo quindi essere pazienti e seguire scrupolosamente le raccomandazioni del dermatologo.

Domande frequenti relative alla micosi?

  • Come trattare il fungo delle unghie? Molto dipende dalla gravità della malattia. Nella sua fase iniziale vale la pena di rivolgersi a preparati disponibili senza prescrizione medica (vernici, unguenti, creme, liquidi). Se i cambiamenti sono già estesi, sarà necessario un trattamento con preparati orali sotto la supervisione di un dermatologo.
  • Come nascondere il fungo delle unghie? A breve termine, gli smalti cosmetici ordinari o indossare scarpe che coprono le dita dei piedi aiutano. A lungo termine, tuttavia, nascondere la malattia è inutile – è meglio iniziare il trattamento.
  • Che aspetto ha il fungo delle unghie? Sul piatto appaiono delle decolorazioni – bianche, gialle, marroni o addirittura nere. L’unghia è ispessita, corrugata e fragile. Può anche avere un odore sgradevole.
Onixan spray - opinioni, ingredienti, prezzo, dove comprare?